Cerca

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

Tag

letture

«Dovete essere ubriachi di scrittura, così che la realtà non riesca a distruggervi.» Ray Bradbury

17372928_10210164525682835_2005148458_o

Come si può non ascoltare le critiche se vengono mosse con intelligenza e da persone che stimo? Prima di iniziare una faticosissima lezione di Spinning, mi si avvicina un grande uomo, grande in tutti i sensi: sia di statura che d’animo, dicendomi che il pezzo sui libri in fila indiana lo aveva deluso, gli era sembrato un po’ troppo saccente, come se volessi vantarmi del fatto che nonostante sia un’imprenditrice, (gestisco, infatti, una piccola impresa familiare composta da tre figlie un cane e un marito- elencati in ordine di importanza), possa trovare il tempo per dedicarmi alle lettura e di conseguenza, alla scrittura. Lui parlava e io pensavo:
-ci sono veramente persone che leggono quello che scrivo e che addirittura sentono la necessità di criticarmi?!
Passato il primo momento di commozione,lo rassicuro spiegando che ero rimasta indietro con l’obiettivo 52, che avevo letto, ma non scritto e quindi volevo sintetizzare. Il SuperUomo allora mi rassicura “tu non devi scrivere quello che piace agli altri, tu scrivi quello che senti e se a me non piace te lo dico!”.Detto questo abbiamo iniziato a pedalare che in confronto Bartali e Coppi parevano bambini sul triciclo. Fatta questa doverosa premessa ci riprovo.

Finito di leggere Il giovane Holden di Salinger mi sono detta:
“Cavolo! lo avrei voluto scrivere io!”
per come scorre il testo, per la trama, per la descrizione dei personaggi; la prima lettura non mi aveva colpito così tanto, forse perché avevo 14 anni ed ero attratta da un altro genere, ma oggi lo metto tra i libri da leggere in caso di difficoltà.
“Non dirmi che hai paura” di Giuseppe Catozzella e “Mio fratello rincorre i dinosauri” di Giacomo Mazzariol , mi sono stati prestati da un’amica: due libri completamente diversi per tema e stesura. Il primo, quanto mai attuale, racconta la storia
di Samia e ci offre la possibilità di riflettere sui “migranti”, le motivazioni che li spingono ad affrontare l’inferno del viaggio che spesso si conclude con la morte. Un bellissimo ritratto di una figura femminile forte, distrutta dell’irrigidimento politico e religioso. Dell’altro libro posso dire che è un simpatico esperimento, forse un po’ troppo commerciale, di come un adolescente affronta la nascita di un fratello con la sindrome di down. L’ho trovato un po’ troppo costruito, ci sono scene da famiglia cuore, di cui stento a crederne l’autenticità, mentre trovo reale la paura del futuro.
Dopo questi eccessi di realtà, avevo bisogno di rifugiarmi nel fantasy, così sono passata a leggere la famosa trilogia regalatami per il mio compleanno di cui parlerò nei prossimi post.
Come sono andata Luciano?

Libri in fila indiana.

Nel fare una lista dei libri che ho letto, mi sono resa conto che se iniziassi a drogarmi forse spenderei meno, anche se non so se con questo tipo di dipendenza, avrei gli stessi benefici della lettura. Ecco la lista, parziale, dei miei 50 grammi di felicità : “L’amica geniale”, “Storia del nuovo cognome”, “Storia di chi fugge e di chi resta”, “Storia della bambina perduta” tutti di Elena Ferrante. Ho trovato la trilogia piacevole, ho apprezzato la crescita stilistica di pari passo con la crescita anagrafica, alla fine sono rimasta con l’amaro in bocca, che non è un male anzi, ho avuto chiaro fin da subito con chi tra le due protagoniste avevo più affinità. Sempre della Ferrante ho letto “L’amore molesto”, ma avendolo letto dopo la trilogia, mi ha un po’ deluso, l’ho trovato incompiuto, abituata alle vicende ben più complesse degli altri libri. “Dieci minuti” di Chiara Minuti, mi è stato regalato per aiutarmi ad accettare dei cambiamenti e in parte c’è riuscito, non ho accettato la sfida della protagonista di fare una cosa nuova ogni giorno per dieci minuti, però mi ha confermato che è necessario rimanere se stessi per essere felici sempre. Con libri come “L’invenzione della madre” di Marco Peano e “La casa blu” di Massimiliano Governi, sono entrata nel girone dell’amore e della morte, dell’amore puro tra genitori e figli e della morte pianificata in seguito a una malattia incurabile o cercata nella casa blu in Svizzera. Sono state entrambe letture difficili, pagine cariche di emozioni che ancora oggi, al solo pensiero, mi fanno stringere il cuore. “La casa blu” l’ho letto dietro consiglio di un autore che adoro, Fabio Bartolomei, di cui ho finito di leggere tutti i libri, quindi è bene che si impegni a farne uscire uno nuovo a breve. Ne “La grazia del demolitore” descrive con la sua ironia graffiante e mai scontata, la società moderna divisa tra vincitori che si spartiscono soldi e terreni sulle spalle dei vinti fino a quando, per uno strano caso del destino, le due categorie si uniscono e avviene l’inaspettato.Per non farmi mancare la mia dose di ansia, mi sono rivolta a colui che disturba i miei sonni da quando avevo 15 anni, quando con Pet Sematary, mi fece odiare gli americani e la loro mania di non recintare quei cavolo di giardini. Mi sono buttata su “Duma Key”, “Cell”, “Doctor Sleep” e “La bambina che amava Tom Gordon” di Stephen King. Duma key l’ho trovato coinvolgente nella prima parte e un po’ scontato nella seconda; simpatica l’idea del potere dell’arte, ma non certo originale, a metà lettura di Cell ho capito che sarei stata tra le prime a morire, scorrevole, avvincente con quel filo di pazza perversione che tanto mi affascina. Mi sono avvicinata a Doctor Sleep con la stessa paura con cui controllo i tombini prima di passarci sopra e non mi ha delusa, degna conclusione di un pilastro che ha fatto storia. Ansia pura per La bambina che amava Tom Gordon, quel suo avvicinarsi maledettamente alla realtà, l’avere figlie dell’età dei protagonisti ha reso il tutto molto più inquietante.

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

Le jardin de Paolo

Leggero come una piuma, forte come una roccia

La Valigia dei Pensieri

Fai viaggiare i tuoi pensieri!

Racconti brevi di vita quotidiana ( spero allegri ed umoristici) aforismi pensieri idee di un allegro pessimista

Guai a prendersi troppo sul serio. Racconti allegri pensieri idee di un allegro pessimista

friulimultietnico

🇮🇹più lingue conosci più vali🇸🇮🇪🇺🇦🇹

NemoInCucina

Mangiare Bene - Vivere Bene

@didiluce photo blog

"Chi evita l'errore elude la vita." C. G. Jung

piccolienuovicom.wordpress.com/

Prepararsi alla nascita

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Viviana Chinello

psicologa psicoterapeuta sessuologa specialista in EMDR

eternamenta

MontJoy, Louis Dieudonnè!

ilcoraggioperforza

La mia vita con la sclerosi multipla, una voce che parla scrivendo, punti di vista dall'alto di una sedia a rotelle 😉💪♿💞

ASTRADIE

LIBERTE - RESPECT- FORCE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: