Cerca

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

Tag

karma

Karma come se fosse antani

Avete presente il karma?!? Poc’anzi canzonavo la ragazza per il suo stile di baffi alla Dalì, nonostante fosse stata molto carina ed esaustiva come me: mi spiegava con passione come usare la taglia e cuci, rispondeva con garbo alle mie domande, mi consigliava di usare una vecchia Singer che mi ha dato la zia, per certe stoffe e, niente, io continuavo a pensare a come sarei stata vestita da Balilla e ai suoi baffi veramente grandi. Ah già, il karma dicevo. Niente, in pratica, a casa ho deciso di darle ascolto, così mi sono messa a studiare le istruzioni della vecchia Singer, ho messo filo, aghi, regolato tutto e vado veloce e felice… Fino a che non sento uno scoppio, un odore di fumo e una bella fiamma uscire dalla pedalina. Riesco a staccare tutto e limitare i danni, puzzo di fumo a parte. Quindi chiedo scusa per il mio sarcasmo, anche perché far venire la mia prima potenziale cliente con fumo e scintille e non farla scappare, è veramente da ardimentose.

Sai il Karma è strano, prima ti odia e poi ti ama…


Vedi a volte il karma. Mi lamentavo delle persone che non riescono a rilassarsi mai, a stare fermi a godersi l’attimo ed eccomi qui ad invidiarle!
Tutto è iniziato con un lieve prurito alla schiena, subito attribuito ad uno degli esseri più inutili al modo, la zanzara, ma anche qui mi sbagliavo. Neanche la stanchezza perenne, anzi, un vero e proprio indebolimento interno, non mi ha fatto pensare ad altro che al caldo o ad un calo di zuccheri, quindi ho pensato bene di mangiare cioccolata e stare al fresco. Solo quando è iniziato il dolore sotto l’ascella, ho completato il puzzle e capito che era fuoco di Sant’Antonio (che il mio ateismo, però, mi spinge a chiamare con il nome più affine di “Fiamme di Satana”). Tutto questo per dire che mi sono ritrovata ferma forzatamente sul lettino al mare, all’ombra e senza poter entrare in mare per almeno 10 giorni; tutte cose che amo se fatte liberamente, ma con la costrizione mi stavano parecchio strette e quindi mi trovavo a immaginarmi mentre nuotavo felice facendo snorkeling… ma, niente, mi fa fatica anche pensarle certe cose! Così mi sono buttata sui libri perché leggere non mi delude mai; anche quando un libro è lento o troppo descrittivo per i miei gusti, basta aumentare il ritmo di lettura per finire la storia, e poi mi insegna sempre qualcosa. Anche perché l’alternativa alla lettura era socializzare ed ero meno invogliata che mai sia a spiegare perché stavo vestita al mare, sia a sentire i racconti dei vari vecchi che hanno avuto lo stesso male che contribuivano solo a farmi sentire più anziana. E comunque tolleravo poco la gente che mi respirava troppo vicina presa dalle manie di protagonismo, pronta a sentirsi chiamata in causa per ogni vicenda. Stavolta però il karma mi ha ricompensato: deve aver capito che la mia parte intollerante non è poi così male…fatto sta che me ne vado via, per qualche giorno, con il mio bicipiti d’oro in Sardegna. Io parto con l’idea di recuperare energie e sonno, lui con il solo obiettivo di pescare, quindi se il proverbio non mente torneremo carichi di pesci. 

Soli, io, lui, una barchina e il mare, unico, della Sardegna: qui sì che faccio nuotate infinite, pesco e mi rilasso e il mio essere posh prende il sopravvento.

Ps. Presto vi racconterò dei libri che ho letto, alcuni dati dalla spacciatrice a cui avevo chiesto donne allegre in cerca di avventure e lei per non sbagliare mi ha dato i due estremi: uno con signore dei primi del 900 un bel po’ soft, forse troppo, l’altro incredibilmente audace con un linguaggio diretto e minuzioso sul…via basta sennò racconto troppo.

L’universo è tornato a parlarmi.

L’universo è tornato a parlarmi, ancora una volta in forma cartacea. Passeggiando con tre amiche, vedo un tizio in lontananza che distribuisce volantini delle dimensioni di un biglietto da visita; a mano a mano che ci avviciniamo, mi punta, lo sento: cerca un contatto visivo, mi ha scelto e quando capisce di avermi agganciato, sfoggia il suo sorriso migliore e mi dice offrendomi il biglietto:
-Posso lasciarle questo?(Anche un po’ ammiccante).
Prendo e ringrazio frettolosamente, forse anche un po’ snobbando, poi lancio un’occhiata al contenuto e qui il mio ego si innalza, perché l’ha dato a me, non alle mie amiche, quindi sono qualità che ha riscontrato in me così, a pelle. Che stronza che sono, penso, snobbo e poi mi sento in colpa.

univ

Continuo a leggere e tutto crolla, mi blocco, mi giro a cercare il tizio, ma non lo trovo; vorrei urlare ma non posso: c’è troppa gente. Mi guardo attorno cercando una telecamera, magari è uno scherzo, sicuramente c’è qualcuno che sta ridendo alle mie spalle, che si prende gioco di me e del mio essermi sentita migliore, seppur in quel frangente, delle mie amiche e invece niente, è solo il karma che riporta tutto allo stato naturale e che rimette tutte le cose al loro posto.
Comunque se non è un messaggio dell’universo, ma solo un biglietto per cercare di invogliare qualcuno a lavorare con voi, vi dico solo una cosa: cambiate strategia! Fatevi consigliare meglio…

19021801_10210868021269785_38773643_n
Cazzo vuol dire “conosci qualcuno”?

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

Le jardin de Paolo

Leggero come una piuma, forte come una roccia

La Valigia dei Pensieri

Fai viaggiare i tuoi pensieri!

Racconti brevi di vita quotidiana ( spero allegri ed umoristici) aforismi pensieri idee di un allegro pessimista

Guai a prendersi troppo sul serio. Racconti allegri pensieri idee di un allegro pessimista

friulimultietnico

🇮🇹più lingue conosci più vali🇸🇮🇪🇺🇦🇹

NemoInCucina

Mangiare Bene - Vivere Bene

@didiluce photo blog

"Chi evita l'errore elude la vita." C. G. Jung

piccolienuovicom.wordpress.com/

Prepararsi alla nascita

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Viviana Chinello

psicologa psicoterapeuta sessuologa specialista in EMDR

eternamenta

MontJoy, Louis Dieudonnè!

ilcoraggioperforza

La mia vita con la sclerosi multipla, una voce che parla scrivendo, punti di vista dall'alto di una sedia a rotelle 😉💪♿💞

ASTRADIE

LIBERTE - RESPECT- FORCE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: