Cerca

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

Spallucce

Se essere sportivi implica anche solo un briciolo di competizione, allora sono l’anti sportività fatta persona, sono più un tipo da ginnastica togli rimorso, nel senso che vado in palestra, mi faccio un culo tanto cosi che se mangio come un bue, non provo rimorso. Il fatto è questo: ho trovato il mio equilibrio, faccio regolare attività fisica, mi scarico da tutte le tensioni negative e non rompo i coglioni a nessuno…o quasi, ma questo è un altro discorso. Quindi: perché tutti si sentono in dovere di darmi consigli su come migliorare? L’ultima in ordine cronologico è questa: mi stavo facendo allegramente i fatti miei quando ho avuto la malaugurata idea di intromettermi nella conversazione di un’amica con una sua conoscente (che si è poi rivelata essere la sua pt). Dopo un po’ che si chiacchiera mi fa (la tipa, non l’amica):

-Ma tu fai sport?  

Per rimanere subito simpatica, rispondo:

-Perché? Non si vede?

-no, si ma cosa fai ? In quale palestra…ecc..

Rispondo e lei:

-Ah, fai solo allenamento cardio? Cioè, sai che non fa bene? Dovresti alternare, fare attrezzi, corpo libero e bla bla bla…

A quel punto la mia amica posa lo sguardo su di me ed esclama:

-Cazzo fai spallucce?!?!?

E ride, in effetti era partita la spalla; da apprezzare che il resto del corpo sembrava attento e interessato, mi ha tradito solo quel piccolo particolare, scoperto grazie all’occhio esperto di una peggio di me. Perché, si sa, il linguaggio del corpo dice molto e, andando di citazione in citazione, ne uccide più la lingua della spada. Io però sono diventata brava a controllare le mie reazioni, ad oggi non ho ancora ucciso nessuno, ho capito che la cosa più importante da fare per cercare di essere il più obiettiva possibile o quantomeno più elegante nei modi, è fare una telefonata che suppergiù inizia così: “Ora tu mi ascolti e mi dici che ho ragione io, poi ne parliamo…”. 

È proprio vero che una telefonata ti allunga la vita!

Annunci

Il Mago

Sorgente: Il Mago

Animali da palestra: la Spacciatrice di Libri 


Sono sempre più convinta di aver scelto la palestra più adatta a me. In primis per la maestra: sorridente e rotonda al punto giusto, caratteristica da non sottovalutare; gusti personali, lo so, ma a me quelle troppo ginniche, tendenti al militare, fanno paura. La penso come Vecchioni in fatto di donne: quelle con il pisello, le signorine Rambo, le lascio agli altri, a quelli che sicuramente prendono l’attività fisica più seriamente di me e fanno bene, a me non riesce prendere niente sul serio, sono la solita idiota da sempre. Tornando alla maestra, più che allenare, ci tiene a bada, cerca di addestrare i vari animali da palestra; non sempre ci riesce, ma almeno ci prova. Già all’ingresso si capisce che la palestra non è di quelle convenzionali: la mattina ti apre le porte un tipo a metà tra un favollo tisico e un abitante di Frittole, ha li sguardo da piacione, ma in fondo dietro a quel carnato caraibico anche a dicembre, c’è una brava persona. Tra i miei “colleghi” preferiti, c’è la “spacciatrici di libri”. Ormai siete a conoscenza della mia dipendenza dall’inchiostro su carta, dal fruscio del volta pagina, dal mondo nascosto che mi aiuta a capire o sopportare quello reale. Questa creatura dagli occhi brillanti, il capello ricciolo, lo smalto uguale alla borsa, sembrerebbe uscita dal bosco delle fate, se non fosse che dalla sua bocca escono stornelli in dialetto che probabilmente le uccidono le fate. L’ultima dose che mi ha passato si intitola “La gemella sbagliata” di Ann Morgan. Mi sono gustata il libro sabato pomeriggio, sul treno Livorno/Roma, l’ho letto molto volentieri anche se è un libro non proprio piacevole per chi ha dei gemelli. La storia regge, si legge volentieri, ci credi poi dubiti e infine esclami “Boia che stronza!”.  Aspetto con ansia la prossima dose.

L’eleganza del latino

C’è poco da fare: con la tecnologia non ci puoi ragionare, non c’è verso; segue schemi, combinazioni prestabilite, non puoi trovare un compromesso. Oggi, per esempio, ho dovuto litigare per venti minuti buoni buoni con la password per l’ID Apple. Mi hanno voluto cambiare la precedente, non so bene per quale motivo, e la nuova deve contenere: una maiuscola, un carattere speciale, un numero, una parte del codice di Amurrabi, le prime tre righe della Stele di Rosetta, ma sopratutto non deve essere simile ad una password usata nell’ultimo anno…No, dico e poi? Già faccio fatica a ricordarmi il numero di cellulare, perché dovrei fare tanta fatica per una password a cui non è legata nessuna carta di credito, nè tantomeno nelle app ci sono nascosti chissà quali segreti, al massimo se mi entrano nel profilo si fanno due partitine a Ruzzle e si guardano due foto idiote fatte con Snapchat. Quindi, con l’eleganza innata che mi contraddistingue, dopo aver provato varie combinazioni, ho ceduto alla parte animale che è in me e ho digitato come nuova password: “Aveterottoilca**o5” !! Sono piccole soddisfazioni che nella vita fanno bene, fai capire alla tecnologia chi è che comanda, che comunque a progettare il tutto è un essere umano… almeno fino a quando Pena e Panico di chiedono la password per scaricare un giochino e lì, dandoti un tono, dici: “Ve la scrivo io perché l’ho messa in latino”. Sono proprio una brutta persona.

Frau, La Mitica e le mamme di oggi.

Sorgente: Frau, La Mitica e le mamme di oggi.

Sport da spiaggia 

Sorgente: Sport da spiaggia 

Giovedì culturali.


Bisogna giocare di astuzia nella vita, essere intelligenti aiuta, ma essere furbi è la svolta, anche nelle piccole cose quotidiane che so… ad esempio, metti che ho un libro nuovo che mi chiama, vuole essere letto, ma fuori c’è il sole ed è giovedì, l’unico giorno della settimana in cui Pena e Panico sono libere da ogniqualvoglia attività, come si procede? Si invita un’amica, si portano al parco e si lasciano libere di vagare…fatto ciò io individuo la postazione giusta, quella soleggiata ma un po’ scomoda, di modo che le anziane, le nonne tanto inclini a raccontare le qualità geniali del nipote, siano scoraggiate dall’avviare qualsiasi conversazione, quella leggermente distante dalla ludoteca così da tenere lontane anche le giovani mamme molto apprensive. Una volta trovato il posto, mi preparo: posizione comoda da lettura, spalle appoggiate, addome contratto e collo rilassato. Per aumentare la distanza tra me e gli altri, metto occhiali da sole e auricolari, questi ultimi non sono collegati a nessun dispositivo, a dire il vero non so neppure se funzionino, ma sono ottimi per far scena e creare un muro invisibile tra me e gli altri. Adesso posso immergermi nella lettura.Il libro di questo giovedì culturale si intitola “Gli Sdraiati” di Michele Serra, un libro interessante che offre la visione degli adolescenti dal punto di vista di un padre; gli sdraiati sono, appunto, gli adolescenti contemporanei che prediligono la posizione supina per qualunque attività. Ironico, sarcastico al punto giusto, l’autore cerca di coinvolgere il figlio in attività motorie anche impegnative e ne rimane stupito. Ora avessi comprato io il libro la cosa finirebbe lì, MA il suddetto mi è stato regalato da una persona che ho conosciuto, a settembre, in palestra e con cui, nostro malgrado, mi trovo a condividere un percorso bellissimo ma per niente semplice. Sì, perché suo figlio e Agonia, come si dice senza eccedere? Stanno insieme, sono fidanzati, si vogliono bene? Quindi anche per questo il regalo del libro l’ho interpretato come il lancio di un salvagente della serie “dai, ci sono passati tutti, non molliamo!”.

Concludo con un messaggio disinteressato: Regalare un libro è sempre gesto nobile, sazia mente, quindi lunga vita, pace e amore a chi mi offre pagine scritte.

Droghe legali e satanismo 

Secondo me la Tatangelo non si è rifatta, credo sia passata al satanismo… se non sbaglio mi è parso di vedere delle protuberanze che se coltivate con amore un giorno potrebbero divenire delle splendide corna. Come distruggeresi con siringhe e droghe legali.  

Come spezzare una catena.

Sono veramente sorpresa di essere stata nominata per ben due volte per il LIEBSTER AWARD. È inutile fare discorsi: si scrive per essere letti ed essere letti e nominati per un premio, seppur virtuale, è un traguardo. Si guadagna e si offre visibilità in un clima di supporto reciproco ed espressione di stima. Ecco, possiamo fare che vi stimo tantissimo anche se spezzo la catena? Non giudicatemi male, ma proprio non ci riesco: rispondere a 11 domande, farne altrettante, senza uno scopo ben preciso non mi piace; diamoci un tema e scriviamo qualcosa, magari a cadenza quindicinale, rendiamo la cosa meno sterile. Visto che sono in vena di confidenze la dico tutta: siamo sicuri di essere nominati perché il blog vale davvero o perché dovevano raggiungere il numero ?!? Odiatemi tranquillamente tanto all’inferno ci andrò di già.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Giua

"Non confondere il cielo con le stelle riflesse di notte sulla superficie di uno stagno"

cinque amiche e un tumore

Ha un nome altisonante: colangiocarcinoma delle vie biliari, ma a volte lo chiamiamo Coso. Una di noi 5 ce l'ha. Le altre 4 no, ma è irrilevante. Questa è la nostra multiforme storia, tra coraggio, amori, paure, allegria, figli, mariti ed ex mariti, sogni, leggerezza. Perché, nonostante Coso, vince la vita. E l'amicizia fa il resto

Inchiostronerodenso

Nel cuore delle veglie della luna - Joyce

Chiara Macchi

Sogni e Visioni

Paolo Castronuovo

Poesia e Scrittura

Associazione Pescatori Ricreativi Spinning Brugherio

Diffondiamo la difesa per la Pesca e per gli ecosistemi acquatici

storie di (dis)ordinario caos

alla ricerca dell'incendio perduto

Di mezzelfi, muffin e fucili laser

L'angolino dei deliri di un'aspirante scrittrice

simplemotion20

Cambiare vuol dire rimanere se stessi con qualche consapevolezza in più.

Giorni di plastica

An Italian writer

Pensieri spontanei

Scrivere per dare ordine e dignità ai pensieri. Un blog a cura di Martina Vaggi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: