Bisogna giocare di astuzia nella vita, essere intelligenti aiuta, ma essere furbi è la svolta, anche nelle piccole cose quotidiane che so… ad esempio, metti che ho un libro nuovo che mi chiama, vuole essere letto, ma fuori c’è il sole ed è giovedì, l’unico giorno della settimana in cui Pena e Panico sono libere da ogniqualvoglia attività, come si procede? Si invita un’amica, si portano al parco e si lasciano libere di vagare…fatto ciò io individuo la postazione giusta, quella soleggiata ma un po’ scomoda, di modo che le anziane, le nonne tanto inclini a raccontare le qualità geniali del nipote, siano scoraggiate dall’avviare qualsiasi conversazione, quella leggermente distante dalla ludoteca così da tenere lontane anche le giovani mamme molto apprensive. Una volta trovato il posto, mi preparo: posizione comoda da lettura, spalle appoggiate, addome contratto e collo rilassato. Per aumentare la distanza tra me e gli altri, metto occhiali da sole e auricolari, questi ultimi non sono collegati a nessun dispositivo, a dire il vero non so neppure se funzionino, ma sono ottimi per far scena e creare un muro invisibile tra me e gli altri. Adesso posso immergermi nella lettura.Il libro di questo giovedì culturale si intitola “Gli Sdraiati” di Michele Serra, un libro interessante che offre la visione degli adolescenti dal punto di vista di un padre; gli sdraiati sono, appunto, gli adolescenti contemporanei che prediligono la posizione supina per qualunque attività. Ironico, sarcastico al punto giusto, l’autore cerca di coinvolgere il figlio in attività motorie anche impegnative e ne rimane stupito. Ora avessi comprato io il libro la cosa finirebbe lì, MA il suddetto mi è stato regalato da una persona che ho conosciuto, a settembre, in palestra e con cui, nostro malgrado, mi trovo a condividere un percorso bellissimo ma per niente semplice. Sì, perché suo figlio e Agonia, come si dice senza eccedere? Stanno insieme, sono fidanzati, si vogliono bene? Quindi anche per questo il regalo del libro l’ho interpretato come il lancio di un salvagente della serie “dai, ci sono passati tutti, non molliamo!”.

Concludo con un messaggio disinteressato: Regalare un libro è sempre gesto nobile, sazia mente, quindi lunga vita, pace e amore a chi mi offre pagine scritte.

Annunci